Cellule staminali
Cosa sono le staminali

Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo.

Per poter essere definita come staminale una cellula deve soddisfare le seguenti proprietà:

  • Autorinnovamento: capacità di compiere un numero illimitato di cicli replicativi mantenendo il medesimo stadio differenziativo
  • Potenza: capacità di dare origine a una o più specie cellulari. base alle potenzialità si possono distinguere quattro tipi di cellule staminali.

In base alle potenzialità si possono distinguere quattro tipi di cellule staminali:

  • Una singola cellula staminale totipotente può svilupparsi in un intero organismo e persino in tessuti extra-embrionali. I blastomeri posseggono questa proprietà.
  • Le cellule staminali pluripotenti possono specializzarsi in tutti i tipi di cellule che troviamo in un individuo adulto ma non in cellule che compongono i tessuti extra-embrionali.
  • Le cellule staminali multipotenti sono in grado di specializzarsi unicamente in alcuni tipi di cellule.
  • Le cellule staminali unipotenti possono generare solamente un tipo di cellula specializzata.

Le cellule staminali sono anche classificate secondo la sorgente di derivazione, come embrionali, fetali, amniotiche e adulte.

  • Le cellule staminali adulte sono cellule non specializzate reperibili tra cellule specializzate di un tessuto specifico e sono prevalentemente multipotenti. Queste sono tuttora già utilizzate in cure per oltre cento malattie e patologie. Sono dette più propriamente somatiche (dal Greco soma = corpo), perché non provengono necessariamente da adulti ma anche da bambini o dai cordoni ombelicali (sia dal sangue del cordone che dal tessuto del cordone stesso)
  • Le cellule staminali embrionali sono ottenute a mezzo di coltura, ricavate dalle cellule interne di una blastocisti. La ricerca sulle cellule staminali embrionali è ancora ai primi stadi: fare ricerca con cellule umane di questo tipo è una questione controversa: l’utilizzo di cellule staminali embrionali ha sollevato un grosso dibattito di carattere etico.
  • le cellule staminali amniotiche si trovano nel liquido amniotico che circonda il feto durante la gestazione. Le cellule staminali amniotiche hanno caratteristiche biologiche molto simili alle staminali embrionali, ma non hanno le controindicazioni di tipo etico legate alla distruzione dell’embrione. La ricerca su queste cellule è molto recente, ma sono molte le patologie per le quali è prevista l’applicazione sull’uomo: dalle malattie della retina, al diabete, alle malattie neurodegenerative, alla chirurgia ricostruttiva, alle malattie rare. Esistono, sia in Italia che all’estero, centri pubblici e banche private che conservano le cellule staminali amniotiche in vista di un utilizzo autologo.
  • Le cellule staminali fetali con caratteristiche multipotenti, sono presenti nell’utero, nel corso dello sviluppo fetale, e vengono ottenute da feti abortiti spontaneamente o da interruzioni di gravidanza.
I commenti alimentati da Disqus